US Navy
Iwo Jima Class Amphibious Assault Ship
Helicopter - V/STOL

USS Guam (LPH 9)
1985





1/350 scale - resin kit by



Introduzione


Dati tecnici
La USS Guam (LPH 9) è stata la quarta unità d'assalto anfibio costruita della classe Iwo Jima. Fu impostata nel Cantiere Navale di Filadelfia il 15 novembre 1962 e varata il 22 agosto 1964. Alla cerimonia del varo, Madrina, la signora Vaughn H. Emory Green. Ufficialmente è stata consegnata all'US Navy il 16 gennaio 1965 al comando del Capitano Norman E. Thurman.
Tipo Amphibious Assault Ship (Helicopter)
Classe Iwo Jima
Cantiere Philadelphia Naval Shipyard
Caratteristiche generali
Dislocamento  std 19.200  tonns
Dislocamento  full 20.000  tonns
Lunghezza 184,00 mt.
Larghezza 26,00  mt.  circa (varia in alcune zone)
Pescaggio 9,00 mt.
Apparato motore / Propulsione Turbine a vapore a ingranaggi Westinghouse
2 caldaie Babcock e Wilcox

potenza max 22.000 Hp su di un solo asse.

Velocità 23 nodi
Equipaggio 700 uomini  +  2000  marines
Elettronica
Radar di scoperta/navigazione
guerra elettronica e comunicazioni (dal 1980 al 1998)

1 radar di scoperta aerea AN/SPS-40;
1 radar di navigazione  AN/SPS-59;
1 radar guida del traffico aereo AN/SPN-35;
1 radar controllo traffico aereo AN/SPN-45;
1 radar medium range surface search AN/SPS-10;
1 TACAN URN-20 (TACtical Air Navigation)
1 AN/SLQ-32 V2  ECM System (electronic warfare passive);
1 SRBOC Mk 36;
Telecomunicazioni via satellite WSC-3
 
Armamento
Armamento


elicotteri/aerei imbarcati
2 × Basic Point Defense Missile Systems (BPDMS)
      Sea Sparrow
2 × 20 mm Phalanx CIWS
2 × Mk 33 3" (50 mm) twin DP mounts

20 × CH-46 Sea Knights
11 × MH-53E/D Sea Stallion
3   ×  AH-1W Cobra
3   ×  UH-1N Huey
6   ×  AV-8B Harrier Marine Corps
La Classe Iwo Jima
Le navi d'assalto anfibio della classe Iwo Jima sono state le prime ad essere progettate e costruite come portaelicotteri. Erano in grado di far operare fino a 20/25 elicotteri oltre a trasportare un Battaglione di 2000 marine completamente equipaggiato per operazioni di assalto verticale. Credo che si possa tranquillamente affermare che questa classe è stata la prima e precursore per un nuovo tipo di nave, non una vera portaerei, ma un tuttoponte di tonnellaggio e dimensioni decisamente ridotto, con un ampio hangar sottostante lungo 70 mt.!  Il ponte di volo delle unità Iwo Jima era largo al massimo in alcune zone 27,50 mt. e dotato di due grandi ascensori esterni posti uno per lato, capaci di sollevare anche più elicotteri contemporaneamente.
Considerata la necessità d'imbarcare un battaglione completamente equipaggiato di Marines, ha costretto i progettisti del Cantiere Navale costruttore, di sfruttare al massimo gli spazi per i Marines e gli elicotteri, sacrificando di fatto la propulsione della nave! E' per questo motivo che questa classe di portaelicotteri ha un solo asse e potenza più limitata rispetto ad altre navi. A bordo, considerata la tipologia di attività operativa, era presente anche un mini ospedale con circa 300 posti letto.
Nei primi anni '80 queste navi furono equipaggiate anche con l'allora nuovo AV-8A/B Harrier, e si ricorda, che tutti i mezzi imbarcati erano in dotazione al Corpo dei Marines!
Le unità di questa classe di portaelicotteri sono state denominate LPH "
Landing Platform Helicopter - Piattaforma per atterraggio elicottero". Questa classificazione fu creata e utilizzata dalle Marine NATO per designare un tipo di nave da guerra anfibia progettata principalmente per operare come piattaforma di lancio e recupero di elicotteri e altri velivoli VTOL. Infatti il documento STANAG (NATO Standardization Agreement) stabilisce che con l'abbreviazione LPH si indica un preciso tipo di nave: "Amphibious Assault Ship Helicopter" in grado di trasportare e dispiegare truppe d'assalto utilizzando solo ed esclusivamente gli elicotteri. Questo tipo di navi, fatta eccezione per la USS Inchon (LPH 12), non erano in grado di utilizzare mezzi da sbarco.
La classificazione LPH tuttavia è stata utilizzata solo dalla Marina degli Stati Uniti per le navi d'assalto della classe Iwo Jima. Attualmente nessuna unità con questa classificazione è più in servizio attivo con l'US Navy o altre Marine occidentali, essendo state sostituite con le navi multiruolo migliorate/perfezionate" della Classe Tarawa e successiva/attuale Wasp classificate con le nuove sigle della NATO: LHD (Landing Helicopter Dock) o LHA (Landing Helicopter Assault). La Classe Iwo Jima fu composta da sette unità e sono state operative: 3 in Oceano Pacifico (7^ Flotta) e 4 in Oceano Atlantico (6^ Flotta) ed aveno i seguenti nomi:
USS Iwo Jima (LPH 2) unità capoclasse
USS Okinawa (LPH 3)
USS Guadalcanal (LPH 7)
USS
Guam (LPH 9)
USS
Tripoli (LPH 10)
USS
New Orleans (LPH 11)
USS
 Inchon (LPH 12)
Profilo dell'USS Tripoli (LPH 10) molto simile alla USS Guam (LPH 9)
unico valido profilo trovato sul web!

Alcune foto dal web

In questa foto la USS Guam (LPH 9) mentre conduceva operazioni di volo al largo della costa libanese (1982)
Ship Helicopter Operations
Schema per le operazioni di volo
Le principali antenne di telecomunicazioni
sulle unità classe Iwo Jima

Attività operativa della Guam
La USS Guam ha svolto servizio nell'US Navy per 33 anni, partecipando a molti eventi che sono ricordati oggi nella storia. Dal recupero degli astronauti di Gemini XI, alle operazioni di combattimento a Grenada, per il suo spiegamento nel Golfo Persico a sostegno dell'operazione Desert Thunder, La USS Guam era sempre presente!
Le unità della classe Iwo Jima, di fatto, erano al servizio del Marine Corps, pertanto alcune furono battezzate con nomi che ricordavano luoghi di importanti battaglie per i Marines. Infatti proprio il nome Guam, per commemorare la storica battaglia e conquista ottenuta dai Marines dell'isola di Guam nella seconda guerra mondiale.
La nave era stata progettata per trasportare circa 2.000 uomini del Corpo dei Marines, completamente equipaggiati e aviotrasportabili con elicotteri nei punti dell'entroterra designati.
Questa moderna tecnica di assalto anfibio del tipo verticale, utilizzata dal Corpo dei Marines, sfrutta la flessibilità e l'effetto sorpresa.

Correva l'anno 1966, quando la USS Guam fu schierata come nave primaria di recupero per la missione Gemini XI con gli astronauti Cmdr. Pete Conrad e Lt. Cmdr. Dick Gordon, furono recuperati a 710 miglia a est della Florida il 15 settembre 1966. Il rientro nell'atmosfera fu visibile all'intero equipaggio della USS Guam, mentre tre elicotteri erano pronti al recupero subito dopo lo splashdown.
Nel novembre 1976 l'USS Guam partì da Norfolk per il Kenya, attraversando il Mediterraneo e dirigendo per il Canale di Suez, il 12 dicembre 1976, la Guam lanciò 13 AV-8A "Harrier" per un sorvolo su Nairobi (Kenya), in occasione della celebrazione del 13° Anniversario dell'Indipendenza del Kenya.
17 gennaio 1977, la USS Guam era nel Mediterraneo, più precisamente al largo del porto di Barcellona Spagna, questo fu un tragico giorno per alcuni membri dell'equipaggio. Un LCM della USS Trenton (LPD 14), alla fonda vicino la Guam, mentre traghettava marinai dal porto a bordo della Trenton e Guam, entrò in collisione con una nave mercantile che entrava in porto. Il mezzo di trasporto LCM a seguito della collisione si capovolse uccidendo 49 militari.
La USS Guam nel maggio 1982, sempre in servizio nel Mediterraneo (VI Flotta), fu inviata al largo della costa Libanese per prepararsi alla possibile evacuazione di personale non combattente, nel corso della guerra tra le forze israeliane, le forze armate palestinesi e siriane. Infatti proprio gli elicotteri della Guam evacuarono oltre 600 libanesi, americani e cittadini di altri paesi dalla città di Juniyah, situata a nord di Beirut.
Ad agosto dello stesso anno la Guam sbarcò un contingente di marines a Beirut come parte di una forza multinazionale per la pace che includeva anche truppe francesi e italiane.

Nell'ottobre 1983, una Task Force comprendente anche la USS Guam, fu inviata verso la Nazione insulare di Grenada, dove furono salvati circa 200 cittadini americani nell'operazione "Urgent Fury". Durante i suoi 10 giorni di permanenza nelle acque di Grenada, furono lanciati quattro assalti aerei, due dei quali notturni. Durante queste azioni l'USS Guam fu il fiore all'occhiello del Comando Operativo CJTF 120, fornendo anche un valido supporto logistico a tutte le unità statunitensi coinvolte nell'operazione. A dimostrazione di questo, nel dicembre 1989, alla USS Guam fu conferita la "Battle E Award" per l'eccellente servizio svolto dal suo equipaggio nelle operazioni fino a quella data.
Nel suo ultimo decennio di attività operativa e, più precisamente, l'USS Guam dall'agosto 1990, partecipò alle operazioni Desert Shield e Desert Storm. Durante questo dispiegamento durato otto mesi circa, la Guam fece parte della forza anfibia che conduceva operazioni lungo la costa del Kuwait per neutralizzare le forze irachene e, in attesa, di un possibile attacco anfibio.
Nel gennaio del 1991, la Guam lasciò il Golfo Persico e si recò al largo delle coste Somale per operazioni su Mogadiscio, si trattava dell'Operazione Eastern Exit. Questa operazione consisteva nell'evacuazione di 282 membri dell'ambasciata americana e di altre nazioni. Concluso questo operazione di recupero, la Guam ritornò nel Golfo Persico e riprese il suo ruolo nell'operazione Desert Storm.
Proprio questo tipo d'interventi dimostrarono la reale efficacia di questo tipo di  unità navali, in quanto non conducevano solo ed esclusivamente operazioni militari, ma spesso, anche dei veri e propri interventi di soccorso umanitari alle popolazioni e/o personale di ambasciate.

Dall'ottobre 1997 all'aprile 1998, La Guam era sempre dislocata nel Mar Mediterraneo (VI Flotta) per numerose esercitazioni multinazionali. Ma in questo periodo ricevette
improvvisamente senza preavviso l'ordine di dirigere nuovamente nel Golfo Persico. Fu inviata a supportare le forze militari statunitensi già presenti nell'area per l'operazione Desert Thunder. Questo improvviso e tempestivo schieramento fu in risposta al rifiuto iracheno di conformarsi alle ispezioni degli ispettori ONU sulle armi. Ma poco dopo l'arrivo dell'unità d'assalto, l'Iraq accettò i controlli, consentendo l'accesso completo e senza impedimenti a tutti i siti sospetti di armi agli ispettori ONU.
L'USS Guam il 2 aprile 1998 fu richiamata negli Stati Uniti, la carriera operativa di questa nave era terminata! Fu radiata dall'US Navy il successivo 25 agosto dello stesso anno.
Il 25 ottobre 2001 la Guam riprese il mare per l'ultima volta, l'unità fu rimorchiata al largo e utilizzata come nave bersaglio in una esercitazione davanti la costa est degli Stati Uniti.
I'esercitazione Sinkex condotta dal Gruppo da Battaglia della USS John F. Kennedy (CV 67) affondò la Guam nella posizione  Lat. 31° 14' 22" Nord  -  Long. 071° 16' 35" Ovest.
Il modello in resina dell'Iron Shipwrights USA



Il modello misura poco meno di 53 cm
pertanto risulta essere ben in scala
con la lunghezza fuori tutto.
Segue..... la costruzione del modello